Home

Home

Sindrome dell’affaticamento cronico

 

 

in collaborazione con 3omega3.it e promuoveresalute.it

Sindrome da stanchezza cronica (CFS) è una malattia caratterizzata da una prolungata, stanchezza debilitante che non migliora con il riposo e peggiora con l’attività fisica o mentale. E ‘caratterizzato anche da molteplici sintomi non specifici come mal di testa, mal di gola ricorrente, dolori muscolari e articolari, e la memoria e difficoltà di concentrazione.

CFS può essere difficile da diagnosticare, e la sua causa o le cause sono sconosciute. Anche il suo nome può essere fonte di confusione: CFS è anche conosciuto come encefalomielite mialgica (ME o ME / CFS o CFS / ME), così come la fatica cronica e sindrome da disfunzione immunitaria (CFIDS).

 

 

stanchezza profonda, il segno distintivo della malattia, può verificarsi improvvisamente o gradualmente e persiste o ricorre per tutto il periodo di malattia. A differenza della disabilità a breve termine di una malattia come l’influenza, per definizione sintomi di CFS deve essere protratta per almeno sei mesi. Spesso indugiare per anni.

CFS colpisce le donne a circa quattro volte il tasso che colpisce gli uomini, e la malattia viene diagnosticata più spesso nelle persone tra i 40 ei 50 anni. Si può colpire qualsiasi sesso, razza o classe socio-economica. La ricerca dimostra che è almeno altrettanto comune in ispanici e afro-americani in quanto è in caucasici. E anche se CFS è meno comune nei bambini che negli adulti, i bambini possono sviluppare la malattia, in particolare durante l’adolescenza. Può essere invalidante sclerosi multipla e malattia polmonare ostruttiva cronica.

La prevalenza della CFS è difficile da misurare perché la malattia può essere difficile da diagnosticare, ma, in generale, si stima che almeno 1 milione di persone negli Stati Uniti hanno CFS, secondo il CDC. CFS è a volte visto in membri di una stessa famiglia, suggerendo ci può essere un collegamento genetico; sono necessarie ulteriori ricerche per dimostrare questo link.

CFS non sembra essere una nuova malattia, anche se solo recentemente è stato assegnato un nome. Relativamente piccoli focolai di disturbi simili sono stati descritti nella letteratura medica dal 1930. Inoltre, segnalazioni di casi di malattie comparabili risalgono a diversi secoli.

 

fabrizio politi

 

fabrizio-politi.blogspot.com
http://www.apsense.com/user/fabriziopoliti
https://disqus.com/by/fabrizio_politi/
http://www.purevolume.com/fabrizio_politi
https://remote.com/fabriziopoliti
https://www.slideshare.net/fabriziopoliti1
https://medium.com/@fabriziopoliti
https://about.me/fabriziopoliti
https://it.pinterest.com/politifabrizio
https://vimeo.com/fabriziopoliti
http://www.dailymotion.com/fabriziopoliti
https://www.instagram.com/fabriziopolitiwr
https://it.linkedin.com/in/fabrizio-politi-0b495a117
https://www.youtube.com/user/deaga72
sixthcontinent.com
https://twitter.com/fabriziopoliti1
https://www.facebook.com/profile.php?id=100011448017674
https://www.quora.com/profile/Fabrizio-Politi
https://fabriziopoliti.quora.com/
https://www.intensedebate.com/people/fabrizioWR
https://disqus.com/home/channel/fabriziopoliti/
https://fabrizio-politi.tumblr.com/

L’interesse per la CFS è stato rinnovato a metà degli anni 1980, dopo diversi studi hanno trovato livelli leggermente più elevati di anticorpi al virus di Epstein-Barr (EBV) nelle persone con sintomi di CFS-come che in individui sani. La maggior parte di queste persone avevano sperimentato un episodio di mononucleosi infettiva (a volte chiamato mono o la “malattia del bacio”) un paio di anni prima di iniziare a sperimentare la cronica, invalidante sintomi di CFS. Di conseguenza, per un tempo, la malattia CFS simile diventato comunemente denominato “EBV cronica.”

Ulteriori indagini hanno rivelato che gli anticorpi EBV elevati non erano indicativi di CFS, dal momento che le persone sane hanno anticorpi EBV e alcune persone con CFS non hanno livelli elevati di anticorpi EBV.

in collaborazione con 3omega3.it e promuoveresalute.it